Ragazze che…

La prima era stata una più grande di me di quattro anni e aveva confezionato un intero quaderno per me. L’aveva preparato con le sue mani e in ogni pagina c’erano giochi e attività disegnati a mano. Sulla copertina c’era il mio nome, lo conservo ancora dopo tanti anni. È un regalo che non ho mai dimenticato, come lei, che mi aveva voluto un bene inspiegabile. Inspiegabilmente disinteressato.

Continue reading “Ragazze che…”